Comunicato del Coordinamento PoliTo – 3 Febbraio 2017

LogoPoliToCari Colleghi,

dopo la conferenza di Ateneo del 13 dicembre 2016, il parere negativo del Senato Accademico sulla prima bozza di bilancio e l’approvazione da parte del CdA dello stesso in una forma rivista, ci sembra necessario esprimere qualche considerazione in merito allo stato attuale delle politiche sulla ricerca del nostro Ateneo. Come sapete nel nostro comunicato del 12 dicembre 2016, abbiamo esposto le ragioni per le quali riteniamo che il provvedimento relativo al cosiddetto “finanziamento diffuso” fosse, non solo assolutamente efficace per sostenere la ricerca di base, ma anche profondamente equo, vista la provenienza – in gran parte dovuta al blocco degli scatti stipendiali e al mancato reclutamento per il blocco del turnover – dell’ingente avanzo di cassa che il nostro Ateneo, come del resto molti altri, si trova a gestire.

Le considerazioni che vogliamo esporre qui non riguardano il tormentato processo con il quale si è pervenuti alla decisione di passare dalla proposta originaria del CdA, ovvero un finanziamento di 20.000 euro annui per ricercatore, al finanziamento effettivamente stanziato di 7.000 euro. Ciò che ci preme sottolineare è che il provvedimento deliberato dal CdA, per la quantità di risorse messe in campo ha cambiato la sua natura: da un’azione strategica di incentivazione della ricerca a una semplice dotazione personale di base per ogni strutturato. Questo nonostante il fatto che durante l’ultima conferenza di Ateneo la necessità di una iniziativa strategica di finanziamento della ricerca complementare a quelle già attivate di natura mirata e premiale fosse apparsa largamente condivisa, seppure con alcune importanti eccezioni riconducibili – a nostro parere – ad una confusa lettura del rapporto tra organizzazione e autonomia della ricerca, tra Dipartimenti e singoli ricercatori.

Ciò significa, al di là delle cause che hanno portato a questa situazione, che in questo momento l’Ateneo non ha in atto una politica strategica per la ricerca di base. Crediamo che questo stato di cose sia grave e eccezionale assieme. In aggiunta a questa situazione di stallo, la più rilevante azione di natura complementare a quella riguardante la ricerca di base, cioè l’istituzione dei Centri Interdipartimentali, non sembra aver finora completato il suo iter in quanto manca il regolamento (soprattutto quello per la gestione delle risorse), non è stato comunicato l’esito della valutazione delle proposte affidata ad un panel esterno, non sono stati presentati all’Ateneo i progetti preparati dai Project Manager la cui designazione, e finora l’intero processo, non ci paiono improntati alla massima trasparenza e condivisione promesse nella relativa conferenza di Ateneo.

Riteniamo che questa grave crisi debba essere risolta quanto prima, pena l’inadempienza ad una delle nostre missioni fondamentali, la ricerca. Ci auguriamo che gli incontri del CdA con le aree dell’Ateneo che si terranno nelle prossime settimane possano essere un’immediata occasione di approfondimento e permettano alla discussione di entrare finalmente nel merito delle questioni e per questo invitiamo tutti, come sempre, alla massima partecipazione.

Coordinamento PoliTo

Versione PDF

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...